Primi

Gigli, Cappesante e Asparagi Bianchi

Se potessi descrivere questo piatto in una sola parola, questa sarebbe delicatezza.

Un primo piatto semplice e colorato che strizza l’occhio alla linea. Perchè, come dico sempre, mangiare è prima di tutto un piacere.

In questo piatto sperimenteremo un formato di pasta insolito: i gigli.
Una pasta corta, attorcigliata su se stessa, che assume una forma molto simile a quella del fiore da cui prende il nome. La sua forma particolare permetterà al sugo di amalgamarsi in modo delicato ed armonioso col piatto, dando al commensale un’esperienza culinaria a 360° fatta di consistenze e mescolanze di gusti molto diverse.

Un piatto dalla media difficoltà, pronto in meno di 30 minuti, dedicato alle persone che amano la primavera e i suoi colori solari e caldi.

Se potessi descrivere questo piatto in una sola parola, questa sarebbe delicatezza.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 12 cappesante con corallo
  • Burro q.b.
  • Parmigiano Grattugiato q.b.
  • Brandy 1 bicchiere
  • 10 Asparagi
  • Prezzemolo q.b.
  • Erba cipollina q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Pasta Gigli 320gr.

Preparazione del piatto

Brasare le cappesante con un po’ di burro della normandia leggermente salato, facendo attenzione a tenre da parte il corallo, che ci servirà più tardi.

Appena colorano spolverare con un po’ di parmigiano grattugiato e flambare col brandy.

Aggiungere quindi gli asparagi lessati tagliati a pezetti, il prezzemolo, l’erba cipollina ed aggiustare la sapidità con sale e pepe.

Spadellare quindi i gigli al dente nella padella con il sugo.

Impiattare completando il piatto con il corallo a crudo precedentemente battuto, che si amalgamerà con il calore della pasta.

Buon Appetito dal vostro Max!

Non perderti nessun segreto del Beluga!
Iscriviti alla nostra Newsletterper rimanere sempre aggiornato!

Accetto la privacy

0
Tags:

about MassimoFavazza

Ciao sono Massimo, proprietario del Ristorante Beluga a Verona. La nostra missione è rendere il pasto un momento speciale, che vada oltre al semplice "nutrirsi". Cibo è convivialità, discussione, Vita!

Lascia un commento